Giornata mondiale contro l'AIDS

Giornata mondiale contro l’Aids, il 1° dicembre evento speciale all’Amedeo di Savoia

Per l'occasione, oltre che informare e sensibilizzare sul tema, sarà possibile effettuare dei test rapidi HIV anonimi e gratuiti. Sono 8.000 i casi di Aids in Piemonte

L'ospedale Amedeo di Savoia (© )

L'ospedale Amedeo di Savoia (© )

TORINO - L’Amedeo di Savoia scende in campo il 1° dicembre, giornata mondiale contro l’Aids, per accendere i riflettori sull’infezione da Hiv. Gli specialisti dell’Amedeo di Savoia, il più attrezzato Presidio Ospedaliero per la cura e l’assistenza dei malati di AIDS, Centro di riferimento regionale per le malattie infettive e le grandi emergenze come SARS ed Ebola, si mobilitano per sottolineare tutto il loro impegno nel sostenere gli obiettivi della Regione Piemonte in termini di sensibilizzazione della popolazione, attuazione di interventi  di prevenzione primaria e secondaria e trattamenti tempestivi, corretti e completi.

Test gratuiti e anonimi il 1° dicembre
Il 1°dicembre, con lo slogan «KEEP CALM AND PREVENT HIV», il Presidio Ospedaliero di corso Svizzera, con un evento patrocinato dal Comune di Torino , offre a tutta la Cittadinanza un live dalle 18.00 alle 22.00, con apertura straordinaria dell’ambulatorio del Padiglione B della Clinica Universitaria per un accesso informale e gratuito al counseling e al test rapido HIV (ovviamente anonimo). Contemporaneamente nel Salone Mensa, introdotti dalla Direzione Generale ASLTO2,  si alterneranno sui temi della prevenzione gli  esperti della ASLTO2 e del SeREMI. L’obiettivo è quello di tenere vivo l’interesse sul problema.

Fabio Alberti: "Amedeo di Savoia centro di eccellenza in infettivologia"
Agli interventi frontali faranno eco filmati di video prevenzione «in pillole», a cura del regista Sergio Orsi, e sarà allestita la mostra di pittura dell’Artista Marcello Garigliano, sensibile al problema, che per l’occasione espone dipinti a tema in contemporanea all’Amedeo di Savoia e al Gruppo Abele di Torino e allo Spallanzani di Roma, in una sorta di ponte ideale dell’Arte al servizio della prevenzione in Italia. «La ricorrenza del 1° dicembre  è particolarmente densa di significati per l’Amedeo di Savoia – commenta il Direttore Generale ASL TO 2, Dott. Valerio Fabio Alberti – questo Ospedale, che ha più di cento anni, nel corso del tempo è divenuto un centro di eccellenza in infettivologia, specializzato nelle cura di malattie come l’Aids, dove attività ospedaliera e di ricerca si integrano perfettamente, come dimostrano i quindici protocolli di studio internazionali sui farmaci anti AIDS elaborati all’Amedeo di Savoia e l’attività del Laboratorio di Farmacologia, di riferimento internazionale»

8.000 gli affetti dall'HIV in Piemonte
«L’eccellenza dell’Amedeo di Savoia non è solo qualitativa, per l’alto livello di specializzazione delle professionalità che vi operano e dello standard dell’assistenza prestata – conclude la Dott.ssa Maria Teresa Sensale, Direttore Sanitario dell’Amedeo di Savoia – nella gestione di problemi a elevata criticità sanitaria e sociale in pazienti dai quadri clinici complessi e pluripatologici; è un’eccellenza anche quantitativa, come attesta il dato che degli oltre 8mila soggetti stimati affetti da infezione HIV nella nostra Regione, ben 4mila sono in cura presso il nostro Ospedale».