Processionaria a Torino

Torino, torna l’incubo processionaria: massima attenzione, è pericolosissima per i cani

Le larve, anche di piccole dimensioni, rilasciano una sostanza urticante potenzialmente letale per i nostri amici a quattro zampe ma capace di creare disagi anche agli uomini

La processionaria e gli effetti devastanti sui cani (© )

La processionaria e gli effetti devastanti sui cani (© )

TORINO - L’arrivo della primavera porta con sé tante belle notizie e qualche piccolo inconveniente. Uno su tutti? La processionaria. O meglio, le larve della processionaria: quelle che si vedono proprio in questo periodo sugli alberi. Parliamo di una larva molto pericolosa soprattutto per i cani, ma anche per l’uomo.

Alle Vallette diversi esemplari, vivono sugli alberi
La peluria che ricopre la larva è infatti molto irritante e può provocare effetti devastanti per i nostri amici a quattro zampe. Proprio negli scorsi giorni, alle Vallette sono stati affissi dei cartelli volti a sensibilizzare le persone su questo problema a molti sconosciuto: questi «bruchi» fanno i nidi sui pini, ma una volta scesi in terra vengono spesso annusati o toccati dai cani. E’ in questa zona che, fino ad ora, sono stati rilevati numerosi avvistamenti. Il rischio comunque si potrebbe estendere a diversi parchi della città di Torino. In Italia, la lotta contro questo insetto lepidottero è obbligatoria dal 1998, ma non tutti sanno come affrontare il problema. Ecco perché è meglio evitarlo, prestando la massima attenzione nonostante a prima vista la processionaria (nome dato dal fatto che le larve camminano una dietro all’altra) può sembrare innocua.

Gli avvisi sugli effetti della processionaria

Gli avvisi sugli effetti della processionaria (© )

Processionaria, come riconoscerla ed evitarla
Entrare in contatto con la processionaria, come detto, provoca una forte irritazione. Se per l’uomo i disagi sono abbastanza contenuti, per gli animali (cani e gatti) nei peggiori casi si può arrivare anche alla morte. Gli altri sintomi? Vomito, ingrossamento della lingua e una salivazione molto intensa. Ecco alcuni consigli sulle norme di comportamento da seguire: 
- evitare di sostare sotto i pini e le conifere;
- non avvicinarsi alle piante che presentano nidi di processionaria e alle larve in processione sul terreno e sui tronchi;
- non toccare a mani nude i nidi, le larve e la corteccia degli alberi, arbusti o rami infestati;
- non effettuare lavori che possano diffondere nell'aria i peli urticanti, ad esempio rastrellamento delle foglie o sfalcio dell'erba;
- nel caso si rendesse necessario asportare i nidi, proteggersi adeguatamente con tuta, guanti, occhiali e  maschera;
- i nidi asportati devono essere raccolti e bruciati;
- tenere i cani al guinzaglio e lontano dalle conifere;
- in caso di contatto, fare tempestivamente una doccia e lavare gli indumenti a temperatura elevata; se il contatto è avvenuto con le mucose, sciacquare subito le parti contaminate con acqua e bicarbonato (anche nel caso di cani, cavalli, ecc.)
- in caso di irritazioni cutanee o congiuntivali, di irritazione delle vie aeree o crisi asmatiche, rivolgersi  immediatamente al medico. Ulteriori dettagli disponibili cliccando QUI.