Cronaca

Scoperto traffico di droga alle porte di Rivoli: 6 chili di cocaina nascosti nel doppio fondo dell'auto

Nel corso di un posto di blocco in prossimità del casello autostradale di Rivoli è stata fermata un'auto con targa francese: nel doppio fondo della vettura è stata scoperta un'ingente quantità di cocaina. L'autista, un cittadino belga di 33 anni è stato tratto in arresto dalle forze dell'ordine

TORINO - L'auto, una Opel Station Wagon con targa francese, stava viaggiando sulla A55 nel pomeriggio di domenica 14 maggio quando, gli agenti di polizia di Torino hanno deciso di alzare la paletta per effettuare un controllo. Alla guida si trovava un cittadino di origini albanesi di 33 anni che, evidentemente turbato dalle domande delle forze dell'ordine, forniva risposte evasive e contraddittorie, oltre a un documento di guida che non convinceva in quanto ad autenticità.

Il navigatore e la patente
Durante la perquisizione l'uomo ha dichiarato di essere diretto in Albania, affermazione che non ha convinto a pieno gli agenti, dal momento che l'ultima ricerca segnata sul navigatore satellitare riguardava una via del centro della città di Torino. Allo stesso modo anche la patente consegnata dall'autista ha fatto sorgere dei dubbi, poichè la foto sembrava sovrapposta "artigianalmente" all'originale. L'uomo è stato dunque condotto in Questura per effettuare degli accertamenti sulla sua identità.

I controlli sull'auto
Nel frattempo la Opel veniva ispezionata con l'ausilio di due cani poliziotto: Akhira e Buster si sono diretti immediatamente nella parte posteriore del veicolo, in prossimità della ruota di scorta ma, a un primo controllo visivo, non è stato trovato alcunché. L'auto è stata trasferita presso un'officina specializzata dove è stata smontata per verificare l'eventuale presenza di doppi fondi. I due agenti a quattro zampe non si sbagliavano, la droga c'era eccome. Sono stati ritrovati 5,8 kg di cocaina per un valore di 300.000 euro di sostanza stupefacente in un vano in metallo saldato al telaio della vettura, che comunicava con un'apertura posizionata all'interno del bagagliaio.