Salone del Libro

Buon compleanno al Salone del Libro di Torino: grande festa per l'inizio della XXX edizione

Il Salone del Libro inaugura oggi, giovedì 18 maggio, la sua XXX edizione a Torino. Dopo tante polemiche finalmente il giorno dell'inaugurazione è arrivato: la città è in fermento per un evento che ha tutta l'aria di essere indimenticabile

TORINO - Siamo al calcio d'inizio della tanto attesa XXX edizione del Salone del Libro di Torino. Da principio sembrava impossibile eppure eccoci qui oggi ad assistere al taglio del nastro. L'evento editoriale più grande e prestigioso d'Italia trova la sua casa, ancora una volta, a Torino e la città non potrebbe esserne più orgogliosa. Tra code per entrare e personalità politiche nazionali che sono intervenute al Lingotto per l'occasione, l'aria che si respira è quella di una grande festa. Dal 18 al 22 maggio Torino apre le sue porte e diventa una piccola città-mondo, pronta ad accogliere gli amanti dei libri e della cultura tout court a braccia aperte.

L'inaugurazione
«Ho assistito a tante inaugurazioni come questa, qualcuno direbbe anche troppe», ha scherzato il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, «ma questa è speciale. Quest'anno sento uno scatto incredibile di orgoglio che mi ricorda il periodo delle olimpiadi». Sulla stessa lunghezza d'onda anche il direttore editoriale della manifestazione, Nicola Lagioia: «Buongiorno, sono il direttore del Salone e non dormo da una settimana». Il mood del primo giorno è un po' questo: tanta energia, tanta stanchezza da parte degli addetti ai lavori, ma soprattutto, tantissimo orgoglio da parte di tutti. Anche la prima cittadina Chiara Appendino, salita in carica quasi un anno fa, quando il "problema Salone del Libro" era all'ordine del giorno, appare oggi raggiante nell'augurare buon compleanno a una manifestazione che non ha avuto paura di cambiare quando i tempi lo hanno richiesto.

Salone del Libro 2017: il discorso di apertura della sindaca Appendino--->

Il primo giorno 
Come da manuale il primo giorno di Salone vede aggirarsi tra li stand tante scolaresche scatenate, dopotutto uno degli obiettivi del trentennale è quello di avvicinare il mondo del libro agli studenti più giovani e, viste le code di ragazzi all'ingresso, sembra che si stia lavorando nella giusta direzione. Ovviamente non solo studenti sono accorsi oggi al Lingotto per assistere agli incontri e alle tante conferenze del primo giorno. Il boom di visitatori tuttavia è previsto per il fine settimana e i controlli di sicurezza, affinchè l'evento possa svolgersi in sicurezza, restano elevati. Non rimane anche a noi che augurarvi: «Buon Salone, in amicizia, pace, libri, musica e bellezza», come detto dal direttore Lagioia.

Salone del Libro 2017: coda lunghissima all'apertura --->