Cronaca

L’uomo barricato in casa in via Borgaro ha aperto la porta: convinto da cappuccino e brioches

Dopo oltre 22 ore Ferdinando Urzini ha desistito. Merito dei carabinieri e del pubblico ministero Cesare Parodi che da questa mattina avevano ripreso il dialogo con il commercianti di prodotti calabresi

Ferdinando Urzini accompagnato al Maria Vittoria (© Ansa)

Ferdinando Urzini accompagnato al Maria Vittoria (© Ansa)

TORINO - Sembrava voler andare avanti all’infinito, invece alla fine Ferdinando Urzini ha desistito e ha aperto la porta di casa dopo aver tolto decine di oggetti utilizzati nelle ultime 24 ore come barriera per non far entrare nessuno. A convincerlo sono stati i carabinieri insieme al pubblico ministero Cesare Parodi, intervenuto in via Borgaro questa mattina dopo l’ennesimo raptus di follia del commerciante di prodotti calabresi. Quando ha aperto la porta aveva un volto rilassato, quasi come se fosse anche lui contento della fine di questo calvario, e ha raccontato le sue ragioni. Poi è stato trasportato in ambulanza all’ospedale Maria Vittoria e il suo appartamento perquisito. I carabinieri hanno trovato la pistola, quella che si vedeva nel video appoggiata su un divano: non si tratta di un’arma, ma di una pistola a pallini.

Ferdinando Urzini si è affacciato più volte anche questa mattina. Niente dirette su Facebook dopo quelle pubblicate ieri che sono state viste da decine di migliaia di persone. Oggi si è limitato a controllare la situazione dal balcone di casa con un binocolo e a calare un cestino attaccato a lenzuola annodate in cui ha chiesto che venisse messo del cibo.

Più tranquilla la notte, trascorsa senza novità ma con i gonfiabili rimasti sempre sotto il suo balcone per evitare che potesse compiere gesti estremi. Non era riuscito nelle ore precedenti il negoziatore a convincerlo. Ci è invece riuscito questa mattina il pm Parodi con l’aiuto dei carabinieri. E pare che l’ultimo tentativo, quello andato a buon fine, fosse un invito ad aprire la porta, scendere e fare colazione con un cappuccino e una brioche.

Urzini nella giornata di ieri

Urzini nella giornata di ieri (© ANSA)

Tutto su: